La NFL è diventata più CFL che mai quando si tratta di quarterback

Neil Lumsden ha guardato Warren Moon da vicino per quattro anni nel backfield di Edmonton.

Il futuro quarterback della hall-of-fame stava giocando in Canada e non a sud del confine allora perché non si adattava allo stampo dei pivot NFL.

Non era un puro passante tascabile. Era uno scrambler. Ed era nero.

Ma i tempi cambiano. Se Moon stava arrivando oggi, sarebbe riuscito a raggiungere il Canada piuttosto che essere strappato immediatamente dal college da una squadra della NFL?

“Probabilmente no”, dice Lumsden, hall of famer della Canadian Football League e direttore atletico della Brock University.

Non è l’unico. È impossibile guardare le partite della NFL in questi giorni e non vedere una parata di quarterback stellari che, una volta, avrebbero potuto essere quassù perché non erano ciò che il gioco americano cercava in un QB.

Cioè passanti tascabili alti e armati. E probabilmente bianco.

Sta costruendo da un po ‘ di tempo. Ma nel 2020, il roster di quarterbacking della NFL ha raggiunto il picco di CFL-ness.

Inizia a scorrere la lista con gli analisti di Lumsden e TSN football Duane Forde e Matt Dunigan, e inizi a vedere un’immagine di come potrebbe essere la lega nord oggi-o ogni volta che il gioco riprende-se la lega sud non fosse cambiata negli ultimi anni.

Stella dell’Arizona Kyler Murray? Nessuna possibilità nella NFL. Troppo piccolo.

La rookie star di Miami Tua Tagovailoa? Non molto grande.

Superstar di Seattle Russell Wilson? Troppo piccolo. In realtà era sulla lista dei negoziati di Montreal una volta. Poi ha ottenuto un colpo con i Seahawks ed è diventato una superstar. Così è finita.

“(Lui) era il ragazzo che tutti pensavano sarebbe stato l’erede apparente di Anthony Calvillo”, dice Forde.

Cleveland star Baker Mayfield? Non enorme.

Baltimore stella e la difesa MVP Lamar Jackson? Troppo poco ortodosso.

“(Lui) sarebbe esattamente come la situazione di Warren Moon”, dice Lumsden.

Stella di Houston Deshaun Watson? Non gioca come un vecchio NFL ragazzo. Lo stesso con Carolina antipasto Teddy Bridgewater.

Drew Brees? Generosamente elencato a sei piedi, ha avuto modo di essere nella conversazione, Dunigan dice. La star di Buffalo Josh Allen? Controllare.

Aspetta, Josh Allen? I Bills ‘ grande, armato forte, mobile, in esecuzione, QB bianco?

Sì, dice Forde. Il suo corpo può urlare vecchia scuola NFL, ma il suo stile è tutto di vecchia scuola CFL. E uscendo dal college, c’erano vere preoccupazioni sulla sua accuratezza.

Caricamento…

Caricamento…Caricamento…Caricamento…Caricamento…Caricamento…
Caricamento…

Ce ne sono altri. Il punto è che la NFL si è trasformata da un campionato offensivo più statico a un ciclo molto più dinamico in cui i quarterbacks sfuggenti, creativi, take-the-ball-and-go che operano fuori dal fucile sono ora visti come un vantaggio piuttosto che una wild card — e il colore è in gran parte scomparso come squalificatore per la posizione — i ragazzi che sarebbero stati qui hanno trovato una casa lì.

A loro vantaggio ma onestamente, a nostro danno.

Quel roster è più profondo di quanto si possa pensare. Dunigan sottolinea che le squadre che hanno costruito reati intorno a questi ragazzi non vogliono dover abbandonare il loro sistema se l’antipasto va giù. Quindi i backup sono di solito stilisticamente simili. Significa un altro strato o due di ragazzi che potrebbero essere venuti qui in passato, ma ora non sono disponibili.

“La NFL ha preso dalla CFL molto più di quanto la CFL abbia preso dalla NFL”, dice Forde.

Sta parlando di stile, ma potrebbe parlare di atleti. Moon ovviamente ha aperto il sentiero, ma Forde dice che ha davvero guadagnato vapore quando Doug Flutie e Jeff Garcia — due ragazzi più piccoli — sono andati a sud dopo una carriera nel CFL e hanno avuto un enorme successo.

“Tutto è cambiato”, dice.

Per essere chiari, il suggerimento non è che non ci siano buoni QB nel CFL oggi. Lumsden crede Bo Levi Mitchell è buono come la metà degli antipasti nella NFL.

Ma diffondere un gruppo di questi attuali ragazzi NFL elite su squadre in tutta la CFL con un campo più grande su cui operare, e questo sarebbe senza dubbio un’età d’oro dei quarterback nel campionato. Forse l’età dell’oro.

Certo, va anche dall’altra parte. Se la NFL avesse giocato in questo modo per tutto il tempo, i fan canadesi potrebbero non aver mai visto Damon Allen, Dunigan, Henry Burris, Flutie, Garcia, Tracy Ham e altri, tra cui Moon, quassù.

Sarebbe stata una perdita enorme per il gioco.

Per ora, però, non c’è nulla che il CFL possa fare se non continuare a scavare per le gemme e prendere la pacca sulla spalla che ha fatto le cose così bene ed è stato così creativo che la giant league a sud ha notato e ha iniziato a aggrapparsi a quelle idee.

Può essere una piccola consolazione. Ma almeno è qualcosa. Per quanto riguarda il 5-foot-10 Dunigan, se fosse diventato professionista oggi invece di 1983, sarebbe venuto in Canada, o avrebbe trovato una casa nella NFL?

” Chi (diamine) lo sa?”risponde con una risata. “Ma le probabilità sarebbero state aumentate in modo significativo.”

  • CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.